venerdì 18 giugno 2010

New York Menu - Seconda puntata



 

Seconda puntata della  parzialissima e incompleta guida culinaria  di New York City, che apro con un'informazione di carattere generale: tra la fine di gennaio e la fine di febbraio si può cenare nei più famosi ristoranti   spendendo soltanto  trentacinque dollari, tariffe del 2009, grazie ad
Eat Famously, una manifestazione che la  Città di New York sponsorizza ogni anno. Se l'idea vi alletta rassegnatevi a lunghe code telefoniche per la prenotazione, e non illudetevi di trovare posto nel locale che avreste scelto per primo, le liste di attesa sono lunghissime ma i locali sono parecchi, e tutti all'altezza delle migliori aspettative.

E ora avanti,   quartiere per quartiere



Union Square, Gramercy Park,  Flatiron District 

Tutta la zona è piuttosto signorile, trafficata ma nello stesso tempo tranquilla dalle parti di  Union Square e Gramercy Park, un po' più congestionata vicino al  Flatiron.
Molto frequentata  dai giovani newyorkesi per via dei molti ristoranti e locali di cui è ricca, non sarà difficile nemmeno per voi trovare proprio il genere di  locale che andate cercando, tra le decine e decine che incontrerete 






Casa Mono 52 Irving Place angolo 17th St. E' uno dei  ristoranti di Mario Batali che qui pratica la cucina spagnola, o più precisamente, catalana, immagino con il medesimo rigore con cui nel west village da  Babbo  cucina italiano; però devo dire la verità, quando abbiamo pranzato a Casa Mono  io non avevo la minima idea di chi fosse Mario Batali, e il menu che ci è stato servito: polipetti ai ceci, crocchette di zucca e formaggio e gelato di vaniglia con filetti di prugna, caramello e zafferano, si è dimostrato una delizia autentica. 







Pure Food and Wine , 54 Irving Place. I proprietari sono veri e propri paladini del Raw Food e infatti tutto quel che di commestibile potrete trovare qui è  assolutamente crudo, organic, salutare e  sano. Se non è proprio questo il locale (ma a me sembra proprio di si), è comunque in un  ristorante simile che la Samantha di Sex and The City si sciroppa una barilata  di  tisane prima di stendere tutte le rivali e  assicurarsi  le grazie del biondo e aitante cameriere.









Di 
Medina e  
 e delle sue deliziose  zuppe abbiamo già  parlato  qui.  La trovate al numero 9 di East 17th St, tenetela a mente per quando avrete i piedi disfatti e   lo stomaco che brontola.













Blue Water Grill
, 31 Union Square, ristorante evergreen, elegante, ben curato e con un ottimo servizio. Menu rassicurante senza particolari guizzi di fantasia, ma ben cucinato e ben presentato.  Prezzi abbastanza elevati ma non stratosferici, almeno per quanto riguarda il pranzo. Pochi i  turisti,   per fortuna  discreti e non chiassosi come  quelli che talvolta capitano tra i piedi e ti fanno vergognare di appartenere alla categoria. 



Gramercy Cafe
184 3rd Ave tra  16th St e 17th St dalle parti dell'omonimo parco.  Il solito localino senza infamia e senza lode in cui fermarsi per uno spuntino











Souen Macrobiotic, 28 East 13th street tra University Place e 5th Ave, uno dei tanti  ristoranti macrobiotici in cui generalmente va a pranzare chi come noi possiede solo  figlie vegetariane.






Sappiate comunque che qui  il cibo è buono, e soprattutto i dolci sono assolutamente superlativi.
















Midtown East  

La zona di Fifth Avenue, Park  e Madison Avenue, per intenderci, e poi Empire State  Building, la New York Public Library e il Rockfeller Center, il Moma. E' la zona degli uffici, delle banche e dei negozi di lusso. I marciapiedi brulicano di uomini in giacca e cravatta di botox girls ingioiellate e impelliccite anche quando passeggiano in tuta, e di  impiegate  tutte uguali  nei loro tailleurs grigio scuro, più un consistente numero di turisti alle prese con l'inevitabile  shopping. E' forse il quartiere con la più alta concentrazione di alberghi di lusso e ristoranti di alto livello









 Grand Central Oyster Bar al piano interrato del Grand Central Terminal, tra 42nd st e Park Avenue, è uno di quei  ristoranti   in cui un uomo porta a cena la fanciulla su cui vuole far colpo. Ostriche astici e gamberoni si sprecano, peccato che il posto sia rumorosissimo e la raffinatezza faccia a pugni con le  pacchianissime tovaglie rustiche  a quadretti bianchi e rossi. Camerieri distratti e cucina  abbastanza sciatta. In compenso, prezzi esagerati, soprattutto per quanto riguarda i vini. Chi non volesse svenarsi per un bicchiere di Chablis troverà all'interno della Stazione  mille altri esercizi commerciali tra cui scegliere  tutti i tipi di cucine esotiche possibili e immaginabili.











Four Seasons, 99 East 52nd tra Lexington e Park Ave. Nel lussuosissimo Hotel il ristorante è nientepopodimeno che  L'Atelier di Joel Robuchon.

Va da sè che io ci sono entrata esclusivamente per fare  fotografie ed è per questa ragione  che spero ci andiate voi, a mangiare,  e che mi facciate un dettagliato reportage















Scandinavia House si trova al  58 di Park Avenue. Fate conto di trovare una fetta di Nord Europa in piena Manhattan e tenetela presente per un piacevolissimo break a base di  salmone affumicato e insalata di patate soprattutto se siete in giro con figli  ragazzini, perché per loro c'è a disposizione anche uno scaffale di giocattoli  e libri di Pippicalzelunghe.




Midtown West  


E' il quartiere di Times Square, dei teatri, del Radio City Music Hall,  del Madison Square Garden e dei grandi Magazzini come Macy's      





Great American Health Bar 35W tra 5th e 6th Ave. Dato che gli americani non sembrano fatti per le mezze misure, se decidono che si deve mangiar sano riescono a diventare leggermente ossessionanti. Panini zuppe insalate e frullati, tutto all'insegna della salute. 













Pare che tutti gli attori della  Broadway dei tempi d'oro usassero cenare da Lindy's che sulla 7ma Ave   dispone di due locations: al numero  825, tra 53rd e 54th st,  e al numero  401 7th all'altezza della 32nd st. Le pareti sono tappezzate dalle foto con dedica dei divi più famosi, e ancora oggi Lindy's si picca di sfornare la migliore cheese cake del mondo, preparata secondo la ricetta di New York, e cioè con una base di pasta soffice e morbida molto diversa dalla cheese cake tradizionale che ha come base uno strato di biscotti sbriciolati e legati con burro fuso. Oggi Lindy's ha perso gran parte dello smalto dei giorni migliori e gli è rimasto l'aspetto tristanzuolo del nobile decaduto.





Club 21 , 21 West 52nd st tra 5th e 6th Ave, un vero tempio della cucina americana alta. Molto apprezzato anche come set cinematografico, sono stati girati qui  Eva contro Eva, Misterioso Omicidio a Manhattan e Wall Street, tanto per citare i primi titoli  che mi vengono in mente. Dress Code  rigoroso, se voi calzate scarpe da ginnastica o vostro marito non porta la cravatta non illudetevi che vi lascino entrare.   Per la cronaca: noi non ci abbiamo mai neppure provato.







Rosie O'Grady's Saloon 800 7th Ave angolo 52nd st,  è il primo ristorante di New York in cui abbiamo cenato nella nostra prima visita, correva l'anno 1986.
Per questo lo ricordo con un  affetto particolare, così come ricordo ancora il sapore del mio Steak and Kidney Pie, un po' perché la prima volta non si scorda mai, e un po' perché il rognone con cui era stato cucinato  non   aveva soggiornato a sufficienza nell'acqua e aceto. I miei avevano ordinato pesce, e a loro era andata molto meglio.



Bryant park Grill and Cafe si trova davanti a Bryant Park  e alle spalle della New York Public Library, gran bel ristorante, cucina  americana tradizionale, d'estate si pranza anche all'aperto. I prezzi sono abbastanza elevati, ma il posto, sia dentro che fuori, è veramente bello e vale la spesa.













 Petrossian ristorante e caffetteria al piano terra della esagerata e pomposissima Alwyn Court, 182 W 58th st angolo 7th ave, offre il caviale migliore di tutta New York City. Se, come ho fatto io, vi saprete accontentare di un caffè, o se beccherete la prenotazione con  Eat Famously, non avrete bisogno di chiedere un  mutuo per sedervi ad un tavolo






Russian Tea Room 


frequentata all'inizio   dai nobili russi in esilio  è diventata  in seguito il locale preferito   dalla gente dello showbiz, la trovate  al 150 West 57 St.
A me è piaciuto molto far finta di sedere sulla stessa sedia di Tootsie. Ma mi sono piaciute anche molto le sue uova Benedictine
  









C'è un Café Europa ed un Europa Café, e sono entrambi dalle parti della   Carnegie Hall . Non ricordo in quale dei due io sia andata, ma il panorama che vedevo dal mio tavolino verso la strada era la sagoma della inconfondibile sala da concerto, l'ambiente era confortevole e rilassante, con bei tavolini in legno naturale e il  cibo era gradevole fresco e ben cucinato.





Hell's Kitchen  :  ho cercato in rete l'indirizzo di cui non avevo preso nota  ma ho trovato nella stessa zona tre o quattro  ristoranti con lo stesso nome,  uno di questi è messicano. Il link che  riporto, in ogni caso,  conduce  allo stesso locale  in cui una domenica di maggio ci  è stato servito un brunch che nulla aveva a che vedere con la cucina messicana e che era spettacoloso. Questo Hell's Kitchen  si trova tra la 9 e la 10 Ave, se passate da quelle parti date un'occhiata, perchè vale la pena.


    
 



Central Park 




La maniera migliore per pranzare al Central Park è senza ombra di dubbio quella di stendere una tovaglia sull'erba e fare un pic nic. Non c'è bisogno di darsi tanto da fare per gli approvvigionamenti, a poche decine di metri troverete chioschi che vi venderanno succulenti hot dogs e bibite fresche, e  tutti i deli (Deli sta per delicatessen, e indica un tipo di esercizio commerciale molto diffuso in Usa, ne riparleremo) della zona offrono come take away  una  scelta infinita di piatti cucinati  ed insalate  pronte da mangiare.  Un avvertimento: ricordate che è vietato consumare alcolici all'aperto. Non portate bottiglie di vino oppure, se il pericolo è il vostro mestiere, fate come fanno in tanti: nascondete la bottiglia dentro un sacchetto di carta. I vigili di solito chiudono un occhio.



La mitica Tavern on the Green che si trovava a  West 67 st all'interno di  Central Park, è stata chiusa il 31 dicembre 2009. Rubo dal web  una foto della sala, così  fastosa  opulenta e  kitch  che sarebbe stato  un vero peccato non celebrarla per un'ultima volta. 





Upper East Side  

E' la zona dei Musei, ce ne sono talmente tanti  che  la Fifth Avenue qui viene detta Museum Mile, il miglio dei Musei. Metropolitan, Guggenheim, Frick Collection e Neue Galerie, sono tutti qui nel raggio di poche centinaia di metri e non sono gli unici. Vi troverete da queste parti più di una volta, e per pranzare vi consiglio di fermarvi alla caffetteria del museo che starete visitando. Non sono niente male, né dal punto di vista del cibo né dal punto di vista dell'ambiente che é sempre signorile e discreto.




















Poco lontano dal Museum Mile, in Madison Avenue al numero 761, c'è la caffetteria Nespresso Boutique Bar, ottime quiches ed insalate da accompagnare con caffè e cappuccino, una volta tanto  fatti come Dio comanda.

 







ma in zona troverete ancora  decine di altri localini gradevoli e graziosi, come questo Nectar of 82nd st, che si trova al numero 190 di Madison Ave all'angolo con la 82 st
 



Upper West Side  


Anche  gli abitanti di questo quartiere non si possono definire  indigenti anche se sono leggermente meno ricchi e leggermente più giovani dei loro colleghi dell'Upper East, sull'altro lato di Central Park. Da questa parte c'è il Lincoln Center, il Museo di Storia Naturale, e molti dei più famosi edifici affacciati sul parco, uno fra tutti il Dakota Building.  
Non vi darò molte indicazioni perchè la maggior parte dei ristoranti della zona che ho potuto conoscere direttamente  sono stati chiusi, e in ogni caso i miei consigli non sarebbero fondamentali.  Citerò soltanto 




           Grey Papaya al 2090 di Broadway angolo W 72nd st, il più grosso tra i ristoranti della  catena specializzata in  Hot Dogs  che ha parecchie altre succursali in giro per la città













Vince and Eddie's, al numero 70 di West 68th St. locale un pochino lezioso ma carino, con la bellezza di tre caminetti ed un giardino interno in cui cenare d'estate, specializzato in portate a base di carne. Dress Code casual elegante (la cravatta non è obbligatoria, ma se vi presentate in  ciabatte e calzini corti vi rimandano gentilmente indietro) e  prezzi alti. 



(continua)



5 commenti:

Gracie ha detto...

Sono ingrassata almeno 5 kg solo guardando le foto, davanti alla mia misera insalatina da pausa pranzo in ufficio!!!!

dede ha detto...

ma no! le abboffate virtuali non fanno danni

Phivos Nicolaides ha detto...

Your photos are stunning. You are a great photographer and I do like your shots! Chiao!

astrofiammante ha detto...

Blue Water Grill, 31 Union mi ispira molto....nel quartiere di Macy's sicuramente ci passeremo e probabilmente anche più di una volta ;-) e come te anch'io non conosco Batali, quindi dovremo rimediare a questa ignoranza ^______^ un po meno da Robuchon dopo aver visto il video.....mi piace la cucina raffinata ma, non gli effetti troppo speciali però mai dire mai, potrei entrarci per ricambiare le informazioni preziose che mi stai servendo su un post d'argento ;-))
la scandinavia house potrebbe essere un rimember della nostra pasqua dell'anno scorso e il club 21 mi interessa per la buona cucina americana...poi credo che dovrei allungare il mio soggiorno o mettere in lista d'attesa per un altro eventuale ritorno negli usa.....Dede sei grande! bacio.

Aryl ha detto...

Ciao Dede...è sempre piacevole guardare le tue foto...un bel viaggio virtuale a New York...che spero un giorno di poter fare di persona. Baci

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin