lunedì 9 agosto 2010

A Torino - Il Museo della Frutta Francesco Garnier Valletti




Ebbene si, a Torino esiste anche il  Museo della Frutta


 

Le cose sono andate così: un certo Francesco Garnier Valletti, nato a Giaveno nel 1808 e morto a Torino nel 1889, aveva modellato per conto della Regia Stazione di Chimica Agraria una collezione di più di mille frutti artificiali. Bellissimi e riprodotti tanto magnificamente da sembrare veri.
Piccola digressione: di una cosa finta si dice che è tanto bella che sembra vera. E di una cosa vera si dice che è tanto bella che sembra finta. Mah.
Torniamo a Valletti e ai suoi frutti, che erano belli davvero e meritavano di essere esposti al pubblico. In contemporanea, si era presentata la necessità di dare una degna collocazione anche ai diciannovemila volumi della biblioteca scientifica della Stazione Chimica, diventata nel 1967 Sezione Operativa di Torino dell'Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante, e alle attrezzature storiche dei vecchi laboratori di analisi contro le frodi alimentari.
I locali adatti furono individuati nel quartiere di San Salvario, in un'ala del Palazzo degli Istituti Anatomici dove già era presente il Museo di Anatomia Umana e dove poco tempo dopo sarebbe stato collocato anche il Museo di Antropolgia Criminale Cesare Lombroso (interessantissimo, ma aimè interdetto alle fotografie)






I vecchi laboratori sono stati allestiti in maniera da sembrare ancora attivi e funzionanti, con i camici appesi e  una targa che ammonisce che Per Disposizione del Superiore Ministero.. eccetera eccetera







 

Ma più di tutti  i laboratori e l'ufficio del direttore, per quanto interessanti,  la vera star del museo  è la collezione del Museo Pomologico, e sono belli da vedere non solo i frutti ma anche le sale e i mobili costruiti appositamente.





Vale la pena fermarsi ad  ascoltare Vittorio Gassman che racconta di Valletti e della storia di questa singolare collezione.

Figura affascinante, estroso artigiano ma anche artista  geniale, Francesco Garnier Valletti  comincia a lavorare  come confettiere, in seguito si trasferisce a  Torino dove  si  dedica alla realizzazione di fiori ornamentali in cera. Si sposta a Milano, e la sua attività viene talmente apprezzata che lo chiamano a lavorare prima alla Corte Imperiale di Vienna e poi a San Pietroburgo, alla corte dello zar. La morte della moglie gli impone di tornare a Torino per occuparsi dei figli, e da lì in poi la sua unica  attività sarà la pomologia artificiale.

I suoi lavori vengono presentati  in parecchie esposizioni e mostre e ovunque ricevono premi e medaglie. E' ammirato e apprezzato non solo in Italia ma in tutta  Europa. Conosce Augusto Burdin, autorevole vivaista, che   crea la Società del Museo Pomologico di cui  Valletti sarà  modellatore ufficiale. 
Realizza più di milleduecento pezzi e   di ogni varietà annota nomi, stagione di fioritura, qualità e caratteristiche. 
Scrive anche una Raccolta di ogni sorta di segreti,  in cui appunta  ricette  formule e un po' di tutto. Ma la formula e il metodo con cui realizza i suoi frutti no, quelli non li rivela. Scriverà soltanto 
I frutti artificiali si fanno con polvere d'alabastro sciolta nella cera e nel mili e nella gomma damar i quali restano duri come pietre bianchissimi nel spacarli cioé facendoli in due ed inalterabili al calore. Scoperta del 5 marzo 1858 in sogno....

La Società purtroppo si scioglie nel giro di  pochi anni, Burdin fallisce e Valletti si trova in serie difficoltà economiche. Lavora moltissimo, suoi lavori vengono acquistati dal principe Enrico d'Orange, dal Museo di agricoltura di Melbourne e dall'Imperial Museum di Berlino ma di soldi in tasca ne arrivano pochi.
Accetta di tenere lezioni pratiche sulla preparazione di frutti artificiali, ma visto che continua a rifiutare  di rivelare il suo metodo segreto, il corso viene annullato.  Gli daranno una cattedra all'Istituto Sommeiller, ma siamo ormai nel 1889 e Valletti ha più di ottant'anni. Morirà di polmonite poco dopo, lasciando alla figlia un'eredità di frutti artificiali che in parte sono ora conservati presso lo stabilimento Cirio con cui Valletti aveva collaborato. 
Due anni dopo la sua morte la formula tenacemente difesa viene rivelata dall'allievo  Michele Del Lupo, un professore di botanica che nel 1891  pubblica per Hoepli un  Manuale di Pomologia Artificiale.














10 commenti:

Gracie ha detto...

Beh, adesso posso proprio dire di avere visto tutto.... anche il museo della frutta! Interessante comunque.....

Fabipasticcio ha detto...

Molto interessante!
grazie

ivana ha detto...

Davvero entusiasmante, per me, che vado per sagre nei paesini a cercare le antiche frutta...delle mele poi si hanno delle curiosissime denominazioni, spesso dialettali locali...
Che voglia di andare a vedere un museo del genere...e che personaggio straordinario è stato l'artefice di tali meraviglie...chissà se poi quel suo allievo ci ha guadagnato impunemente con la formula?
Grazie Dede!!!
Bellissime foto come il tuo solito!!!
Ciau!!!

Chiara ha detto...

grazie per avermi fatto conoscere un museo che ignoravo,un abbraccione!

antonietta ha detto...

incredibile...

marinella ha detto...

Grazie Dede, lo ignoravo anch'io, ma adesso mi ripropongo di andare a scoprire quel palazzo con il pargolo appena torna dalle vacanze. Ciao Baci

Anonimo ha detto...

Genial fill someone in on and this enter helped me alot in my college assignement. Say thank you you for your information.

dede ha detto...

è un museo minore, lo so bene, e non è certo di quelli per cui ci si mette in viaggio apposta, però anche le cose "minori" possono essere molto interessanti, anche perché inattese.
grazie a tutti, come sempre

Anonimo ha detto...

Kixcome UK sells the latest and greatest shoes by Martinez Valero, Chinese Laundry, BOSS Hugo Boss, Cesare Paciotti, and more.

There is a huge selection of Heels, Wellington Boots, House Slippers, Boat Shoes, Sandals, Work Boots, Firstwalker, Golf Shoes, Wool Clogs, and more. No matter where you are or what shoe you are looking for, you can find it via Kixcome.

When it comes to Delivery...
kixcome USA will ship to just about any address in the world. Understand that there are restrictions on some products|, and some products will at anytime not be delivered to some countries. You will be contacted after your order if this does occur. If you place an order, Kixcome.com will estimate shipping dates for you based on the stock of your footwear and the shipping options you select during checkout. Depending on the shipping provider you select, delivery date approximations may appear on the shipping information area of the site.

In case any kicks need to be returned. It is simple to get it done. Just visit kixcome and see 'Returns'.

We are currently developing our platform which will allow you to sell your shoes as well. The only thing is they must be authentic, no fakes, no variants, no copies, nada. If you are interested in selling your shoes out of your collection you can contact us to reserve your place.

Kixcome strives to provide you tennis shoes. Not just any shoes & sneakers but the most loved. Genuine Only. Next time you think of Firstwalker, Dress Shoes, Baseball Shoes, Winter Shoes, Winter Shoes, Slippers, and other shoes from brands such as [url="http://kixcome.com/brands"]CLAE sneakers[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]Ecko footwear[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]DVS Shoe Company shoes[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]Lucky Brand footwear[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]Poetic Licence shoes[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]Timberland Urban shoes[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]Softspots sneakers[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]Luichiny footwear[/url]|[url="http://kixcome.com/brands"]DC shoes[/url]

Alizarina Art ha detto...

Grazie per questo tuo post interessantissimo .

Conoscevo gia' il Museo ma tu ne hai parlato in modo nuovo e sembra che tu ci abbia condotto di persona laggiu'...

Anche io faccio frutta finta ( per questo apprezzo in modo particolare ) pero' la eseguo in cartapesta .

Se ti va vai a vedere questo link :

http://alizarinaart.blogspot.it/2012/04/desideri-in-cartapesta-un-materiale.html

Ciao e grazie ancora !!

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin