venerdì 23 novembre 2007

la miciadistudio



Anche lei inquilina del cortile, quando i padroni vanno a lavorare ci viene a trovare e resta in studio con noi fino a quando loro non tornano a casa.
E' piuttosto riservata, non ci ha mai detto il suo nome, non dà confidenza e non ama le smancerie, ma ci facciamo una buona compagnia. Con l'arrivo del freddo lei e gli altri gatti del circondario si contendono il tepore della bocca della nostra canna fumaria



Stamattina doveva aver avuto lei la meglio sugli altri, quando abbiamo sentito provenire dalla canna un tramestio sordo, come un rumore di macerie che cadono, e subito dopo un miagolio, anzi, un pauroso ringhio sibilante, il lamento di una belva. Zac, caduta dentro il camino.
La telefonata al 115 non ha sortito grandi effetti, c'era in atto un'emergenza grave e non c'erano squadre per soccorrere un gatto . Noi disperati, tutti a ragionare sul come farla uscire, e in fretta. Ci vedevamo già la povera micia agonizzare a lungo in un buco troppo caldo e saturo di gas senza poter fare nulla per salvarle la vita quando è uscita da sola, un po' acciaccata sul naso, ma tutta intera.



4 commenti:

la belle auberge ha detto...

Misericordia, l'ha scampata bella! e guarda che "sgarbelada" (graffio)ha sul naso!
"Tutto è bene...
tutto è bene..."
direbbe quella lenza di Paolo Bitta.

erika ha detto...

"quel che finisce bene".
:-)

Fratelli Caponi ha detto...

e adesso come sta la micina?

Artemisia Comina ha detto...

ah come mi ricorda la Salvatorina, quando a pochi mesi cadde nella canna fumaria della vicina francese e quella mi disse che lei se ne fregava (erre moscia, prego), doveva accendere la caldaia per fare la doccia; ovvero gattina a fuoco entro poco; arrivarono quattro vigiloni del fuoco (mi sa che dovevo chiamare la polizia) e in mezzo a tutto il trambusto la piccina sgusciò fuori da sola, per ributtarsi subito nel camino vicino, terrorizzata dai giganti. (a farla corta: lieto fine)

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin