domenica 24 agosto 2014

la maliziosa casa di avenue Rapp


Jules Aimé Lavirotte (Lione 25 marzo 1864 - Parigi 1 marzo 1929), architetto, ha firmato edifici che non passano di sicuro  inosservati.
Wikipedia definisce il suo stile  immaginifico ed  esuberante.

La casa che vedete nelle foto è situata al n° 29 di Avenue Rapp, VII Arrondissement.
















La decorazione è opulenta e fastosa, carica fino all'inverosimile di  teste di animali, formelle in ceramica, archi,  colonne, ringhiere  logge e balconcini che fanno immediatamente  capire che Lavirotte  poteva anche avere i suoi difetti, ma la fantasia di sicuro non gli mancava. 































A giudicare dal portale,  sontuosamente sovraccarico  come tutto il resto dell'edificio,  la pruderie doveva essergli completamente estranea, sostituita da una robusta dose di  gusto per la provocazione.





















Infatti   Adamo   non  pare particolarmente preoccupato per la cacciata  dal paradiso ed  Eva, mano sul fianco ed anca maliziosamente protesa in avanti,  sembra  la sorella nuda di Ninì Tirabusciò. 
Al centro una testa di donna, forse la moglie dell'architetto,  capelli sciolti e sguardo olimpicamente distaccato, sovrasta senza palesare  il benchè minimo imbarazzo un elegante  portoncino finestrato in cui  è perfettamente riconoscibile il disegno di un grosso fallo capovolto.
Si era nel 1901, e lo scandalo fu notevole, ma non tanto grave da impedire a Lavirotte di vincere il premio  per la migliore facciata dell'anno.



8 commenti:

Antonietta ha detto...

oh Signur!, ci mancava il portone porno! ma tu guarda! certo che voi architetti avete un occhio clinico! comunque è vero, guardare e vedere sono 2 cose ben diverse! ciau!

Lunablu ha detto...

Grazie per la chicca! Il portone "birichino" mi ha strappato una bella risata di lunedì mattina, che è tutto dire;-)

gracieplace ha detto...

Ma perché con tutte le volte che sono stata a Parigi 'ste robe me le sono perse????

Dede Leoncedis ha detto...

Antonietta gli architetti sono soggetti di cui diffidare :-)
Lunablu forse la giuria gli ha attribuito il premio per la migliore faccia(ta) di bronzo.
Gracie Parigi è un tale pozzo di san Patrizio che neppure i parigini possono conoscerla completamente

Nela San ha detto...

Certo che Gaudi, al confronto, rischiava la figura di un novellino!

Dede Leoncedis ha detto...

Con Gaudi sarebbe stata una sfida tra titani!

Clyo Parecchini ha detto...

Queste foto le ho guardate per benino, talmente sono piene di particolari. Mi chiedo che altro avrebbe potuto aggiungere a quella facciata.

Joe ha detto...

Un vero spettacolo di arte allo stato puro.

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin