venerdì 4 luglio 2014

Parigi - Les Halles.2



Riassunto delle puntate precedenti:  un paio di anni fa avevo scattato e riportato qua sul blog le fotografie del cantiere appena aperto e delle  prime  demolizioni






del   Forum des Halles,   il centro commerciale  sorto appena un quarto di secolo prima sulle ceneri degli storici padiglioni in ferro e vetro di Baltard,




che a loro volta erano stati   smantellati agli inizi degli anni settanta.















 



Sono tornata dalle parti del cantiere pochi giorni fa,


















convinta di dover fare come i pensionati che quando ero bambina  scannucciavano di straforo con l'occhio incollato alle fessure delle recinzioni, 


e ho trovato invece  una  bellissimo punto d'osservazione messo a disposizione dei curiosi che non solo non vengono guardati in cagnesco,  ma sono addirittura benvenuti


Da questa terrazza privilegiata ho potuto vedere  che la grande tettoia disegnata nel vecchio cartellone















sta veramente prendendo la  forma  in cui   è stata  progettata





























Nel frattempo, riordinando l'archivio dei miei vecchi video, è saltato fuori questo minuscolo spezzone delle Halles oramai demolite,   una piccola testimonianza di come apparivano intorno al 1990














5 commenti:

Grazia ha detto...

Impressionanti i "grandi lavori" parigini!

isolina ha detto...

Ti ricordi il film girato nel grande buco? Non toccare la donna bianca di Ferreri?

Nela San ha detto...

L'Espace observation creato per i curiosi è l'ennesima conferma che i francesi sanno sfruttare, al meglio, la loro grandeur, anche quando è ancora...in progress.

gracieplace ha detto...

Ecco, un paio di anni fa, la nostra amministrazione comunale , prendendo spunto proprio da qui (in fondo Parma è anche chiamata la "piccola Parigi" per un sacco di similitudini)ha rifatto il nostro vecchio, storico e caciarone mercato bisettimanale ....peccato che comunque Parma non sia Parigi e il nostro piccolo mercato della Ghiaia non sia Les Halles....

Silvia Pareschi ha detto...

Bello e raro, quando una città riesce a rinnovarsi senza perdere fascino (ma per Parigi non è certo difficile).

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin