martedì 10 dicembre 2013

Marrakech - La Moschea di Koutoubia



La moschea di Koutoubia, come d'altra parte tutte le moschee del Marocco, non è visitabile dai  non musulmani in seguito all'ordine del generale Lyautey (non è che io sia  così colta, l'ho semplicemente letto sulla guida) allo scopo di preservarle dalle orde di turisti, per cui ci siamo dovuti limitare ad ammirarla dall'esterno.



Quando gli Almoravidi nel X secolo  fondano la città,  costruiscono anche una moschea che gli Almohadi, subentrati al potere nel 1147,  si affrettano a radere al suolo. La  giustificazione è che  si tratta di  una costruzione impura perchè orientata nel modo sbagliato:  il muro davanti a cui i fedeli si inginocchiano a pregare non è stato  impostato perpendicolarmente alla  Mecca!  Invece di limitarsi a girare   i  tappeti e  inginocchiarsi  nella posizione giusta,  gli Almohadi prendono il toro per le corna e  costruiscono un secondo edificio ancora più grande del precedente, del quale infatti ora restano soltanto le rovine. Il nuovo edificio viene portato a termine sotto il regno di Yakoub el-Mansour, e deve il suo nome, Koutoubia,  ai koutoubiyin, i librai che vendevano libri sacri agli studenti delle scuole coraniche e che avevano bottega nei pressi.














 Il minareto, una massiccia torre quadrata di tredici metri di lato, è alto sessantanove metri


















ed è l'edificio più alto di Marrakech, lo si vede praticamente da tutti i punti della città

















anche perché,   per regolamento edilizio,  nessuna nuova costruzione può superarne l'altezza


La leggenda narra che le quattro  sfere  che lo sovrastano siano fatte d'oro  e siano state forgiate con i gioielli che Zineb, sultana macchiatasi della colpa gravissima di non aver rispettato il Ramadan, avrebbe donato per farsi perdonare. In realtà le sfere sono  molto più banalmente fatte di rame,  ma in fondo far finta di credere ad una leggenda non fa' male a nessuno.  L'inquietante trespolo che somiglia in maniera sinistra ad una forca ha invece  la funzione di  indicare ai fedeli  la giusta direzione verso la quale devono inginocchiarsi per pregare guardando la Mecca. Scanso quivoci.



2 commenti:

Nela San ha detto...

Quella sinistra cosa somigliante a una forca non l'avevo notata. Non potevano pensare a qualcosa di meno inquietante? Senza offesa, eh?!

Dede Leoncedis ha detto...

l'ho pensato anch'io ma forse ai marocchini non dà la stessa impressione che dà a noi

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin