venerdì 13 dicembre 2013

Marrakech - Il Dar Cherifa

Arrivarci non è uno scherzo, tra passaggi coperti e vicoli ciechi così stretti che  ci passa a stento giusto  una bicicletta,














ad un certo punto ti dici se mi perdo qui, non mi trovano mai  più.



































Dopo aver girato e rigirato sbagliando strada una mezza dozzina di volte  stavamo  quasi per rinunciare,



poi  la nostra ostinazione è stata premiata e siamo entrati in un'oasi  a dir poco incantevole.








Merito del proprietario  Abellatif Aït Ben Abdallah che, affascinato dall'architettura della città vecchia eletta Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO,  ne  è diventato  uno dei difensori più accesi. In un momento in cui i vecchi edifici della medina cadevano a pezzi e sembrava che nessuno se ne preoccupasse,  lui ha iniziato col  restaurare un riad, il primo di una lunga serie, avviando un lavoro accurato e paziente  per recuperare  non soltanto  vecchie case malandate ma ricche di storia, ma soprattutto per costruire  una vetrina importante per la cultura marocchina in tutti i suoi aspetti: architettura, decorazione, cibo, arte. Il  clou di tutto questo è il  Dar  Chérifa,  una costruzione di epoca Saadiana  che risale al sedicesimo secolo e pare sia   la più antica casa della Medina. 



Un  gioiello che il proprietario ha  trasformato in  caffè letterario  che  organizza  regolarmente mostre, concerti, conferenze e ogni genere di  eventi culturali in cui è costante la presenza di interpreti e traduttori per permettere a chiunque di partecipare e capire.
Per esempio,  in occasione d
el Festival Internazionale del Film di Marrakech che stava per svolgersi di lì a pochi giorni, il caffè letterario Dar Cherif aveva un vasto programma di   documenti e testimonianze in arabo e  in  francese secondo un progetto denominato  "cultura per tutti".



















7 commenti:

Silvia Pareschi ha detto...

Ma che posto straordinario! E pensare che il Marocco è così vicino... uhmm, cosa aspetto?

Dede Leoncedis ha detto...

già, cosa aspetti? :-)

gracie1961 ha detto...

Wow bellissimo!

Fabipasticcio ha detto...

i tuoi reportage di viaggio sono sempre curati e meravigliosi, una finestra aperta sul mondo. Grazie Dede!

Grazia ha detto...

Mi stampo i tuoi post per un prossimo viaggio a Marrakech. Di sicuro mi aiuteranno a riconciliarmi con la città e, forse addirittura, ad amarla.

Nela San ha detto...

I tesori migliori sono sempre nascosti, ma qui penso proprio valesse la pena rischiare di perdersi.
Se potessi, io farei la stessa cosa in un paesino del Portogallo e vi ospiterei tutte!

Dede Leoncedis ha detto...

Sono stata a Marrakech solo per tre giorni e in tre giorni non si può ricavare altro che qualche emozione superficiale. Forse siamo anche capitati in un momento favorevole: pochi turisti, gente del posto amichevole e nessuna puzza in giro per la città, tutte cose che rendono molto più disposti a cogliere il lato bello delle cose. Chi può dire se ad un secondo giro non troveremmo più rispondente al vero l'impressione cha ha avuto Grazia.

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin