mercoledì 11 aprile 2012

Bruxelles - Quartier des Marolles



All'uscita dal   Palais de Justice  un grande ascensore vetrato collega la parte alta della città al sottostante Quartier des  Marolles.


La  passerella non è proprio l'ottava meraviglia del mondo ma basta non farci caso.



















Arrivati da basso, ci si trova  nel quartiere  della Bruxelles proletaria. Qui  gli anziani  parlano ancora il brusselse sproek o marollien, un  dialetto in cui francese e fiammingo concorrono a plasmare una lingua che  la mia guida definisce colorita e scurrile


Marolles da Maricolles, una contrazione di Mariam Colentes, congregazione di religiose che vi si erano stabilite   intorno al 1660. Quartiere di artigiani  e rigattieri, viene  industrializzato nel settecento e cade in disgrazia quando, con la pavimentazione della Senne intorno al 1870, molte fabbriche sono  costrette a trasferirsi in periferia.      Gli operai se ne vanno e al loro posto arrivano  poveri e  diseredati;  il declino  dura  fino agli anni ottanta del secolo scorso,  quando qualcuno  comincia a ristrutturare le vecchie case fatiscenti. 

Accanto alle osterie storiche si aprono nuovi ristoranti,











e di fianco alle  vecchie botteghe di rigattiere si insediano modiste e profumieri alla moda,  un mix intrigante   che  sembra regalare  al quartiere una doppia anima, popolare e fighetta nello stesso tempo.  





Sulla rue Haute, al numero 130, una targa indica la casa di Pieter Bruegel il vecchio. Qui è scritto Breughel e lascio a chi ne sa più di me indicare quale sia la dizione esatta.













Place du Jeu de Balle, il cuore di Marolles, ospita  il Vieux Marché, un mercato delle pulci molto vivace e confusionario in cui i venditori non sembrano  granché  preoccupati delle apparenze visto che  ammassano le loro   mercanzie dentro grandi scatoloni di cartone e va là. 



Non so se sia possibile ai nostri giorni scovare il quadro di Raffaello nascosto sotto una crosta, io ho visto per lo più paccottiglia di tutti i generi, ma devo riconoscere che in questo campo si trovano pezzi che toccano vette  sublimi.  


Su un lato della piazza l'Eglise Notre Dame de l'Immaculée Conception,  nota come Eglise des Capucins,  è l'unica chiesa belga in cui è permesso entrare con un animale,  e sul suo sagrato ogni prima domenica di ottobre  ha luogo una benedizione a cui si  dice che  un circo abbia portato  i suoi elefanti.
Dall'altro lato due splendidi gattoni fanno la guardia all'insegna di un calzolaio.  Punto la macchina foto e la  gatta tricolore ostenta immediatamente un regale  distacco,  
il micione rosso  invece non apprezza l'intrusione e  me lo fa' capire molto  chiaramente.





11 commenti:

Duck ha detto...

Una bellissima passeggiata che ho fatto più di una volta, in compagnia del coniuge (che mi prendeva in giro perché a me quell'ascensore trasparente faceva venire le vertigini) e poi della nostra cara amica Grazia che mi ha portato a vedere quel circo incredibile che è il mercato della Place du jeu de balle in un piovigginoso giorno di dicembre. Ricordo una grande quantità di posate ossidate, di vestiti lasciati a bagnarsi sotto la pioggia e di notevoli croste - alcune delle quali decisamente sfondate e semistaccate dalla cornice; nessuno, però, sembrava formalizzarsi troppo, come fai notare giustamente tu.
Saluti affettuosi

Grazia ha detto...

Scusami, ma per l'emozione avevo fatto un sacco di errori di ortografia e ho dovuto eliminare il commento precedente. Ti dicevo solo che, grazie a te, imparo nuove cose su Bruxelles e che questa città, vista dai tuoi occhi, mi piace sempre di più. Grazie

dede ha detto...

Duck fortunata, hai avuto un cicerone d'eccezione, Grazia ha accompagnato anche noi in una passeggiata attraverso una Bruxelles che i turisti non conoscono
Grazia sei troppo gentile, mi sembra difficile che sia tu ad imparare da me!

giacy.nta ha detto...

Tu e Grazia mi state facendo amare Bruxelles. Prima di "incrociarvi" me ne ero fatta tutt'altra idea. Grazie!

Bellissime vetrine; trovo invece decisamente mostruoso il ciapa puer in primo piano del mercato di Place du jeu de balle

dede ha detto...

"...mostruoso il ciapa puer in primo piano ..." nel suo genere il top, Giacy.nta,

Nela San ha detto...

Certo che, leggere di Grazia che impara cose di Bruxelles da Dede, è assssolutamente fantastico. Sì, avete letto bene: avverbio scritto con quattro "S".
Bye&besssssos ad entrambe

dede ha detto...

vero Nela San? anche a me 'sta faccenda suona incredibbbbile

valigiesogni ha detto...

Mannaggia a voi! La smettete di scrivere post bellissimi su Bruxelles almeno per un po’? Vi prego! Per ora non posso andarci e voi mi state facendo venire una voglia irresistibile di partire!

antonietta ha detto...

baci cara! i tuoi post sono dell'ordine " partire e non tornare"

Gracie ha detto...

Ecco, se prima avevo il rammarico di essere stata in Belgio senza aver visitato Bruxelles, dopo aver letto i tuou post più recento mi darei delle badilate.... beh, hai capito dove!

Lefrancbuveur ha detto...

Non conoscevo questa zona, grazie!

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin