mercoledì 28 novembre 2007

Gallerie d'arte



Gallerie d'arte a New York, dalle parti della 10ma Avenue ce ne sono un sacco, e sembrano tutte tremendamente interessanti. Poi in realtà, una volta entrati ci sono anche tante delusioni, ma in fondo non ha importanza, non si va mica lì per vedere le opere esposte, si va per respirare quell'aria. Grandi limousines da cui scendono giapponesi dall'aria molto abbiente, proprio molto molto abbiente, pilotati immediatamente da efficienti segretarie dentro ovattati uffici riservatissimi, vernissages in cui giovani ragazze alte e magrissime, anziane signore ingioiellate e liftatissime, anche loro alte e magrissime, uomini alti e magrissimi, si aggirano con un bicchiere di vino (rosso) in mano, tra sorrisi e baci. Uomini tutti in nero. Pantaloni, giacca e tshirt, una divisa. Nera. Non trovi uno in camicia bianca neanche a pagarlo. Mia nonna usava dire: se stai buono ti porto a veder mangiare il gelato. Ecco, è esattamente cosa provi a stare lì: li guardi mangiare il gelato. Ma non ti senti la piccola fiammiferaia, è come guardare un film, solo che non c'è lo schermo.
Quando ho fatto queste foto non avevo ancora mostrato i segni del repentino rimbambimento da blog, ecco perchè non posso documentare quanto ho detto, ma la prossima volta che vado.........











3 commenti:

papavero di campo ha detto...

grazie tante, ho visto che mi hai linkata| buon fine settimana!

Anna ha detto...

Si, si hai proprio ragione. L'effetto che fa vedere certe persone è quello di una copertina patinata, di un film in prima tv, di un gelato che si scioglie ma non siamo noi a gustarlo..belle le foto della mostra e del Moma più sotto, sembra un gran bel posto! :)

dede ha detto...

lo vedrai presto da sola Anna!

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin