sabato 13 marzo 2010

Berlino - Shell Haus

Emil Fahrenkamp non è uno degli architetti più famosi del mondo e molto probabilmente, a parte gli addetti ai lavori, sono in pochi ad averlo mai sentito nominare. Eppure, è autore di uno degli edifici industriali più interessanti del secolo scorso, la Shell Haus costruita nei primi anni trenta in Stauffenbergstrasse  a Berlino. 




Sede della società petrolifera Shell Rhenania-Ossag, la Shell Haus  fu una delle prime costruzioni di Berlino, se non la prima in assoluto, ad essere realizzata con una struttura completamente in acciaio. Credo si possa dire senza tema di smentite che si tratta di una delle costruzioni più interessanti progettate durante la Repubblica di Weimar, 










con quella stupenda spettacolare facciata, tutta rivestita in travertino fatto arrivare espressamente dall’Italia e congegnata come un insieme di onde, come a sottolineare il movimento dell’acqua del Landwehrkanal che passa lì vicino. 

E l’effetto dinamico della facciata risulta ancora più efficace grazie agli angoli, che Fahrenkamp realizza arrotondati non soltanto nella muratura rivestita

 ma, sorprendentemente,anche nelle vetrate continue in bronzo e ottone. 



Nessuna decorazione inutile, facciata lineare, copertura piana e superfici bianche: poteva uscirne un banale grosso casermone e invece è un vero capolavoro.
Durante la guerra subisce danni notevoli, ma per fortuna scampa alla demolizione, e nel 1958 viene finalmente  messa sotto tutela come monumento storico. Passano vari decenni prima che si arrivi al suo restauro, che per fortuna viene avviato nel 1997, e che si svolge nel pieno rispetto del progetto originale, tanto che si decide persino  di rinunciare all’isolamento termoacustico delle vetrate pur di non alterarne l'irripetibile profilo ondulato.











4 commenti:

LaFrancese ha detto...

noi ci siamo passati per caso, ma ci siamo accorti subito del valore dell'edificio, proprio bello!

http://farm3.static.flickr.com/2765/4433179252_1766698e5d_m.jpg

Carla ha detto...

Grazie per le info dede!

Non lo conoscevo questo architetto ma devo dire che questo edificio ondulato rende bene l'idea di quello che sa fare...ma dimmi hai avuto Castiglioni come insegnante di Design!? Wow che meraviglia :)

Com'era me lo puoi raccontare?

A presto :)

dede ha detto...

LaFrancese, hai già visto che sono andata di corsa su Flickr
Carla, si, Achille Castiglioni è stato mio professore. Veniva ogni settimana da Milano, era piccolo di statura e dotato di grande ironia. Non ci ha insegnato materialmente come disegnare un prodotto ma ci ha insegnato a capire a cosa dovrebbe tendere il design, e cioè in poche parole, a sfornare oggetti belli funzionali ed economici alla portata di tutti, esattamente il contrario di quello che si intende oggi, purtroppo.

Gracie ha detto...

Grazie per un altro consiglio per la mia prossima vacanza....

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin