giovedì 28 febbraio 2008

Amsterdam - Quartiere Borneo Sporenburg






















Che Amsterdam sia una città costruita sull'acqua lo sanno tutti. La chiamano la Venezia del Nord, anche se io non ci ho mai visto tutta questa grande somiglianza. Tutte due hanno i canali, certo, e le barche al posto dei tram e le case a mollo, ma dubito che ci sia qualcuno, per quanto disinformato e distratto, che possa fare confusione tra le due.
Dunque, nessuno potrà pensare che le foto qui sopra siano state scattate a Venezia.Sono state scattate in un quartiere relativamente recente, o meglio: relativamente recente per gli Olandesi, che costruiscono case (belle) a raffica, e recentissimo per noi italiani, che di case (non sempre belle) ne costruiamo assai di meno. Per farla breve: il quartiere, che si chiama Borneo-Sporenburg, risale agli anni novanta/duemila. E' fatto di case unifamiliari, quelle che da noi si definiscono sciaguratamente case a schiera, ma non hanno la caratteristica deprimente di essere tutte tristanzuolamente uguali, anzi. Ciascuna è opera di un architetto differente che quindi ha operato scelte progettuali diverse, eppure non ce n'è una che sembri fuori posto, e l'effetto generale è molto omogeneo e molto raffinato. Sono case affacciate per un fronte sulla strada, e per l'altro sull'acqua. Grande comodità di parcheggio per i tanti abitanti proprietari di barca, immagino. Le case sono strette, come d'altra parte tutte le case olandesi, e non c'è quasi verde intorno, ma si crea quello che il pianificatore ha definito l'effetto blu al posto del verde: la presenza dell'acqua appaga nella stessa misura della vista di un giardino pubblico.

2 commenti:

Artemisia Comina ha detto...

bello, interessante; un quartiere che non conoscevo in una città che amo.

Esther ha detto...

un pezzetto di cuore l'ho lasciato ad Amsterdam, un altro pezzetto a Praga. Forse ad Amsterdam più grande.

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin