lunedì 7 aprile 2014

Professione archistar: Filippo Juvarra (seconda puntata)

(Per la prima puntata vedere qui  
Juvarra è un vulcano di energia e nella seconda decade del settecento   apre cantieri su cantieri, al corpo principale della Venaria aggiunge  la citroniera-scuderia, a palazzo reale  realizza il teatrino di corte del Rondeau e  la nuova scala delle Forbici, in cui c'è  una deliziosa curiosità  di cui parleremo alla fine. 
Nel palazzo reale vecchio ricostruisce  l'antico teatro Regio, avvia il nuovo palazzo del Senato, che non arriverà a compimento, e la soprelevazione del  campanile del duomo.

In questi anni lavora quasi esclusivamente a Torino, e in via san Domenico costruisce la sua casa-studio su un terreno che il re gli ha donato (demolita nel 1932 AAARGHHH), ma grazie ad una licenza del re si reca  ancora una volta a Lucca per curare una variante al suo vecchio progetto del palazzo pubblico e nel frattempo riesce ad infilare anche i progetti per il  duomo e per una villa privata. Torna a Roma nel dicembre 1724 e progetta ben quattro  varianti del  palazzo del conclave, sono tutte talmente monumentali che vengono giudicate inattuabili,  ma gli valgono la carica di Architetto della Fabbrica di san Pietro, carica  di cui in tempi passati  era stato investito nientemeno che Bernini.
Il suo studio si avvale di un a quantità enorme di collaboratori, e questo gli permette di occuparsi praticamente di tutto, anche di urbanistica, con un piano per  la risistemazione dell'area di palazzo reale e un altro per la contrada di Porta Palazzo, progetta anche di demolire il palazzo reale per far posto ad un grandioso nuovo duomo, ma è solo  uno dei suoi  tanti  progetti irrealizzabili.
Tra i cantieri che invece arrivano a compimento ci sono le ristrutturazioni dell'Accademia militare e degli Archivi di corte, il progetto del  nuovo Teatro Regio (sarà poi costruito da Benedetto Alfieri)  che Juvarra collega al palazzo con   una galleria, per evitare alla famiglia reale il fastidio di salire in carrozza. Fuori dalla cinta cittadina progetta la palazzina di Stupinigi, un capolavoro assoluto in cui, secondo  il Dizionario Biografico Treccani, 
....L'impianto a bracci incrociati in diagonale irraggiati dall'ovale del salone centrale dell'edificio, oltre a modulare geometricamente il rapporto tra architettura, paesaggio e città,  al culmine di una lunga sperimentazione sul tema, fu alla base di una scenografica declinazione architettonica, audace strutturalmente e innovativa per chiarezza e permeabilità degli spazi, che ne fecero un caposaldo dell'architettura europea del Settecento......







Intorno al 1730 Filippo Juvarra è il più autorevole architetto italiano del momento.  Viaggia come una trottola, lo troviamo nel Cuneese, a Brescia,  ancora una volta a Lucca, e poi Como, Bergamo, di nuovo Roma dove soggiorna per qualche mese  grazie ad una licenza  concessagli da Carlo Emanuele III, succeduto al padre nel 1730. A Roma però tutti i progetti su cui puntava:  la costruzione della sagrestia vaticana, il  concorso per la facciata di S. Giovanni in Laterano e  il monumento funebre di Benedetto XIII,  vanno a monte e Juvarra torna amareggiato  a Torino.
Il lavoro  non gli manca e a  Parigi, per conto del principe di Carignano,  progetta un'altra opera monumentale che non vedrà la luce: una enorme  piazza ovale con colonnato e arco di trionfo in onore di  Luigi XV.
A Torino avvia i lavori per la  galleria della Regina e per gli archivi privati del re


a Belluno  progetta il campanile del duomo, a Vercelli ristruttura il seminario arcivescovile.  Lo chiamano a Mantova per una consulenza sul progetto per la cupola della chiesa di S. Andrea e a Milano  per un intervento sulla facciata del duomo.   Filippo V lo incarica di  progettare il nuovo palazzo reale, e lui, ancora prima di arrivare a Madrid il primo aprile del 1735, ha già cominciato a lavorare ad un grande palazzo con quattro cortili che dovrà essere  la reggia più grande d'Europa.
Nei dieci mesi che seguono si occupa  anche del palazzo di Aranjuez e della Granja di San Ildefonso, poi si ammala di polmonite. Muore a cinquantotto anni,  il 31 gennaio 1736. 
Il suo  palazzo verrà terminato, ma in versione molto ridimensionata e modificata, dal  suo allievo G.B. Sacchetti.

E  per chiudere, parliamo dello scalone delle Forbici a cui avevo accennato all'inizio.








































Realizzata per  sostituire la modesta scala di legno esistente e  dare un accesso aulico all'appartamento nuziale dei futuri sposi, il principe ereditario Carlo Emanuele futuro Carlo Emanuele III,  e Anna Cristina di Baviera Sulzbach,    Filippo Juvarra la immagina con un impianto a tenaglia, che scarica il peso sulle pareti perimetrali, e  una ardita rampa superiore centrale  completamente libera da sostegni laterali e  che viene sostenuta solo dai pianerottoli,




La decorazione in stucchi bianchi è  tutta un tripudio di  corolle e   conchiglie, e il bianco assoluto della struttura  contribuisce a dare un'impressione di grande  leggerezza.


In molti durante la costruzione spettegolano sulla instabilità di  questa scala e  giurano e spergiurano che una struttura così  non può stare in piedi ma, quando finalmente arriva il momento della inaugurazione, tutti devono constatare obtorto collo non solo   che la scala se ne sta perfettamente al suo posto, ma che Juvarra si è levato il fatidico sasso dalla scarpa. Infatti nel punto critico della struttura, il primo che secondo le malelingue avrebbe dovuto cedere rovinosamente a terra,  ha piazzato un soave e candido tondo decorativo


che rappresenta, senza lo scudo di incomprensibili allegorie,  un bel  paio di forbici che taglia le lingue biforcute 


6 commenti:

Fabipasticcio ha detto...

Splendido questo approfondimento su Juvarra e su Torino, visto che i suoi più importanti capolavori sono lì.
Il tondo con le forbici che tagliano le malelingue è meraviglioso.

gracie1961 ha detto...

Sai quanto materiale ho raccolto su Stupinigi? sono anni che voglio andare a vederla, ma a tutto'oggi è ancora un sogno...è proprio vero che le mete più sono vicine più vengono tralasciate...

Grazia ha detto...

Insomma ha cambiato il volto di Torino e forse avrebbe cambiato anche quello d'Europa (se le forze glielo avessero consentito): davvero un grandissimo, Filippo Juvarra!

Dede Leoncedis ha detto...

davvero un peccato che se ne sia andato troppo presto, se ne avesse avuto il tempo chissà quanti altri capolavori ci avrebbe lasciato.
Gracie, ma anche Fabiana e Grazia, Stupinigi esige assolutissimamente una visita, vi aspetto!

Nela San ha detto...

Questa scala è qualcosa di meraviglioso così come meravigliosa è la tua descrizione della stessa.

winckelmann ha detto...

Ho visto a gennaio la scala delle forbici, splendida come splendida è Torino. Anche Stupinigi è un luogo del cuore, mentre purtroppo di Superga ho visto solo l'esterno.
Sarà per la prossima volta, magari sperando che per allora gli orari della cremagliera siano coordinati con quelli di apertura della chiesa... :-(

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin