martedì 25 marzo 2014

Parigi, Rue Fortuny e i topi di Sarah Bernhardt



Youle, figlia di ebrei olandesi  scappata giovanissima in Francia, nel 1844 ha  vent’anni quando dà alla luce Rosine. Non c'é nessun papà, e così  la bimba finisce dritta e filata  dalle monache. 
Sembra che l'unica strada per lei debba essere  il convento, ne è persuasa la mamma e per la verità l'idea non dispiace neppure alla piccola, ma l'amante di Youle che al momento è  in carica, il duca di Morny fratellastro illegittimo di Napoleone III, capisce che quella bambina non è fatta per la carriera di suora e convince la madre ad iscriverla alla scuola della Comédie Française. All'inizio Rosine, che cambierà il suo nome in Sarah,  non mostra un grande talento e dopo i primi due anni è lì lì per farsi scartare, ma il duca parla ancora una volta con chi di dovere e dopo qualche tempo  finalmente la giovane Sarah Bernhardt debutta come professionista.

Più che per la sua bravura viene notata principalmente per l'aspetto fisico: magrissima in un’epoca di maggiorate, naso lungo, capelli rossi, sguardo sexy, ma soprattutto una grandissima rompiscatole. Difatti litiga clamorosamente con una collega più illustre e viene espulsa. Per un paio d'anni segue le orme materne donando le sue grazie ad una serie di protettori, uno dei quali, quando  ha vent'anni, le regala Maurice, che resterà il suo unico figlio.


Poi finalmente viene scritturata all’Odéon, dove emerge grazie a parti che sembrano tagliate su misura per lei, ma anche grazie alla sua non comune abilità nel mettersi in vista, sfruttando propaganda patriottica (è il periodo della guerra franco prussiana, e lei accoglie i feriti nella sala dell'Odéon ) e amicizie giuste, come quella con Victor Hugo tornato dall’esilio, all’epoca della Comune. La Comédie la riprende in carico con entusiasmo, e lei passa di trionfo in trionfo in coppia con il bel Mounet-Sully, uno dei tanti partner con cui imbastirà una affettuosa amicizia. Ma non è fatta per i legami, e dopo una tournée a Londra è lei a mollare la Comédie. Per il resto della vita si gestirà da sola carriera ed immagine, pubblicizzando accortamente la sua spregiudicatezza  e le sue eccentricità,  la manifesta  bisessualità,   l'alligatore in casa e la  bara in camera da letto. Tra famosi e non, la lista dei suoi amanti è considerevole e oltre al già citato Victor Hugo annovera tra gli altri Gustave Doré, Edmond Rostand e Gabriele D’Annunzio, ma si sposa una volta sola, con un greco sedicente nobile che le mette le corna, perde al gioco i suoi soldi e muore, fatto e strafatto, a 34 anni. Un disastro che lei  non ripeterà mai più. 
Nel 1876, al numero 35 di rue Fortuny all’angolo con avenue de Villiers, 



Sarah commissiona all’architetto Nicolas Félix Escalier la realizzazione della sua casa, 


una grande villa con un giardino ed un giardino d’inverno, e  un  laboratorio in cui praticare la scultura, altra sua grande passione cui si dedica, a detta dei critici, con una  abilità più che discreta. Tutto in quella casa,  ça va sans dire, è  curato minuziosamente  fin nei minimi particolari.


 


L'attrice usa vestire soltanto sontuose toilettes originali che si disegna da sola e si occupa di ogni particolare dei suoi spettacoli, che vuole sfarzosi e in cui investe somme cospicue. Per giunta,  accumula compulsivamente oggetti d’arte e gioielli. In poche parole, si copre di debiti e in pochi anni è costretta a vendere la proprietà ad Adolphe Dervillé, proprietario di una cava di marmo. 


Insensibile al  talentuoso hobby della grande attrice, Dervillé demolisce il laboratorio per ricavare un’altra ala residenziale da annettere al corpo principale.

e della vecchia facciata del laboratorio che, a quanto ho letto, appariva come uno strano miscuglio neorinascimental-neogotico, non resta altro che il bassorilievo dei  due grossi ratti che attraverso un buco nel muro si stanno intrufolando dentro la  casa.




















Nessuna scritta a ricordo della illustre presenza, e la cosa risulta piuttosto  singolare in una città in cui quasi ad ogni passo si inciampa in una targa commemorativa. Nella  rue Fortuny

ce ne sono almeno due: una celebra  Edmond Rostand ed il suo Cyrano,


ed un'altra campeggia sulla casa in cui abitò Marcel Pagnol.

Per Sarah Bernhardt, come  per la  Bella Otero che abitava nella variopinta  residenza




 poco distante, al numero 27, nemmeno una sillaba.

7 commenti:

Grazia ha detto...

"Sic transit gloria mundi!"
E, comunque, ho l'impressione che a me Sarah Bernhardt come attrice( e forse anche come donna) non mi sarebbe piaciuta!

Dede Leoncedis ha detto...

credo anch'io che non mi sarebbe riuscita simpatica

Nela San ha detto...

Poliedrica con caratterino! Fra le tante cose interessanti che hai scritto e fotografato mi rimane una piccola curiosità : sapere come era il bassorilievo completo di cui facevano parte i due topi ora rimasti.

Dede Leoncedis ha detto...

ho cercato in lungo e in largo ma della facciata originale non ho trovato nessuna descrizione nè foto. Ci sono rimasti soltanto i due topi, ma sono muti come pesci

isolina ha detto...

Anche a me, niente, ma che storia fascinosa!

gracie1961 ha detto...

Misteri che resteranno insoluti, coma la vera natura della Bernhardt credo.....

Silvia Pareschi ha detto...

Ma che strani e che belli quei due topi. E certo, lei era proprio un gran personaggio!

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin