giovedì 8 marzo 2012

Buon otto marzo, Veta!


Sul passaporto di mio padre avevano indicato  tutto l'itinerario che avremmo dovuto seguire, tappa per tappa, avevano  anche lasciato lo  spazio per  il timbro della  polizia che ogni sera ci avrebbe controllati. Durata del visto: un mese dalla data della comunicazione. E noi  abbiamo fatto la valigia di corsa  e il giorno di san Giuseppe del 1963   siamo partiti per la Romania, per  conoscere una nonna di cui avevamo solo sentito parlare e che mio padre non vedeva da quando aveva otto anni, trentadue anni prima  


Veta aveva diciassette o diciotto anni, era arrivata  da un piccolo paese vicino per stare a servizio da  questa mia nonna sconosciuta,  e per lasciare il  letto  a me si era sistemata un materasso per terra. Mi ero vergognata da morire ma non c'era stato niente da fare: Veta  era una tzerana, una contadina, e gli tzerani dormono  per terra. Punto.  Per tacitare la coscienza avevo cercato di regalarle  quasi tutto il mio bagaglio, compresa la camicetta a fiori, tale e quale quella di Jean Shrimpton,  che mi erta costata non so più quante settimane di prèt  (l'equivalente piemontese della  paghetta).  Lei però aveva accettato solo poche cianfrusaglie, e in cambio  mi aveva regalato anche un piccolo profumino. L'ho conservato per anni e da qualche parte sono sicura di averlo ancora. 

Nel  2008 sono tornata in Romania, ma di Veta  avevo soltanto una lettera confusa e nessun indirizzo, la  vecchia casa della nonna  era stata demolita da tempo e  nessuno si  ricordava di quella ragazza che era stata a servizio. Ritrovarla sembrava una pia illusione. Invece, grazie al cugino Mihail dalla pazienza inesauribile, la trovammo.  





















Abitava a La Frumoasa, che in romeno significa La Graziosa, un paese che  grazioso lo è  davvero, nonostante la mancanza di fognature e di strade asfaltate




Però di lunedi e di martedi si balla in discoteca, la gente va in giro in calesse  

e  i cancelli e le  recinzioni  in legno intagliato  sono dei veri  capolavori.  


 
Veta da anni si è ritirata  in questa  casettina tutta sua.




Per minuscola è minuscola e  bisogna abbassare la testa per non toccare il soffitto, naturalmente non ci sono servizi igienici e priva com'è di coibentazioni e isolanti  d'inverno si batteranno certamente  le brocchette,  però le  tendine fatte  all'uncinetto 



e una enorme quantità di fiori in giardino  me l'hanno fatta guardare   con gli occhi di Veta, e anch'io  ho visto  una reggia. 





9 commenti:

dona ha detto...

Molto, molto bello. Grazie per averci raccontato questo tuo ricordo.

Grazia ha detto...

Buon ptto marzo a Veta e a te che sai guardare con gli occhi di Veta, così semplicemente, da donna a donna, da persona a persona.

ivana ha detto...

Grazie Dede!

Un omaggio più prezsioso non lo potevi fare, alla donna...Veta rappresenta una figura di donna, in quel mondo come lo descrivi, come l'essenza femminile, con tanto sacrificio,visto dai nostri occhi, ma tanto amore e poesia come non è frequente viverli qui da noi!!!
Un abbraccio a Veta!

Ciauuuuu!

Mav ha detto...

Grazie, proprio un bel post.

antonietta ha detto...

Dede, grazie di questo tuo personale pensiero! e un bacio a te e sorella e figlie!

Nela San ha detto...

Buon otto marzo ad entrambe! Forse mi ripeto, ma sono le situazioni più semplice e più vere che ci arricchiscono, così, come questa.
Bye&besos, semplicemente!

Duck ha detto...

Che bella storia, Dede.
E che pensiero generoso, il tuo, di andare a trovare questa donna cui ti legavano ricordi affettuosi ma lontani.
Mi sono un po' commossa guardando le foto di questa casetta linda e spartana e il tuo sorriso.
Saluti affettuosi

Gracie ha detto...

Una vita di stenti, immagino, ma com'è sereno il suo sorriso....

Fabipasticcio ha detto...

Arrivo in ritardo estremo, ma ti dico che questa storia me la sono letta a caldissimo una volta, tutta d'un fiato e poi sono venuta a rileggermela diverse volte...è di uno splendore commovente. Attraverso le immagini hai raccontato tutto il tra le righe e mi sono commossa, lo sai che piagnona sono...♥

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin